impressioni sulla passione della fotografia e non solo

impressioni sulla passione per la fotografia e non solo

mercoledì 16 gennaio 2013

Impressioni: Cloud Atlas

di Fabio Foggetti

Non scrivo mai di cinema (mio grandissimo amore)  ma recentemnte ho avuto modo di vedere due film che mi hanno segnato in modo particolare. Il primo è stato "Vita di Pi", il secondo, come da titolo "Cloud Atlas".

Voglio condividere due righe proprio su quest'ultimo invitando anche voi a vederlo. Non è assolutamente perfetto, ma lo è stato per me in questo periodo.

***

Cloud Atlas per me è un grande carezza all'umanità, una storia che arrivati a sera ci consola di fronte alle mille vicende che ci accadono ogni giorno. Con energia e, allo stesso tempo tranquillità, ci vuole raccontare quanto sia importante combattere le barriere, quanto ogni nostro gesto possa contare. Io ho trovato il finale, così, senza sorprese, molto bello. Nessun evento a sconvolgere la lineare narrazione. Ogni storia ha la propria conclusione e tutte hanno più senso alla luce del racconto dell'anziano, su quel lontano pianeta in cui tutto riparte e si ripete allo stesso tempo.
Bello il modo in cui le storie si "toccano", anche se in alcuni punti solo lievemente, pur appartenendo a generi diversi. Abbiamo il dramma storico, il thriller, la storia d'amore, la commedia grottesca, la storia di fantascienza e il post-apocalittico. Tutte storie di amori e amicizia. 
Tutte storie in cui si combatte per valori umani importanti: abolizione la schiavitù, i pregiudizi sull'omosessualità, la lotta per preservare l'ambiente, il rispetto della vecchiaia al giorno d'oggi, l'uguaglianza tra gli uomini e, sul finale, c'è un'inversione tra "bianchi" e "neri", a sottolineare come le differenze non hanno ragione di essere. 
Mi sono piaciuti effetti e trucco. Bravi gli attori.

Forse il film è troppo ragionato ed emotivamente debole ma con il passare dei giorni, quello che mi sta facendo maturare dentro, è proprio una forte emozione.  Bello, bello, bello.

da scoltare la traccia audio del finale:


4 commenti:

  1. Sono ancora indeciso se andare a vederlo, temo sia troppo, come dire, melassoso, ecco. Che a volte può essere un pregio, a volte un difetto, a seconda della disposizione d'animo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco, stesso mio pensiero. Ma non è così il film.

      Elimina
  2. Mi è piaciuto. Non l'ho trovato melassoso, no.
    Semmai le molte storie tutte con un loro forte impatto emotivo, finiscono per sovrapporsi e abbassare il tasso emotivo totale del film nel suo complesso.
    Per cui non ti esalti per il singolo cattivo ucciso, o non ti disperi per il singolo buono apparentemente sconfitto. Ma nel complesso, finito il film, ora dopo ora, come un virus, cresce dentro di te.

    RispondiElimina